Ricerca

Post Recenti

Archivi

Topics


« | Main | »

Brevi considerazioni figlie dell’attualità

By Pasquale | settembre 12, 2017

20882699_2022631078023255_8127623774761483750_n

1) Eutanasia

Tema delicato, ma come se nulla fosse capita che iniziano a verificarsi cose per le quali in passato molti avevano tentato di mettere in guardia. Ci sono barriere, confini, limiti, argini che non vanno rimossi. Non perché non si creda nella forza della ragione, ma perché tutelano i più deboli dalle derive degli egoismi. Gli uomini liberi e rispettosi non hanno bisogno di leggi per apprendere la morale e vivere la propria vita senza invadere quella degli altri. Purtroppo la civiltà dei “diritti prima di tutto”, senza conoscerne fino in fondo senso e significato anche in relazione ai doveri ed al sacrificio, produce scempi come l’eutanasia per un depresso. Tutto ciò credo sia un’orrore.

2) Furia ignorante

 Gli Stati Uniti, nel bene e nel male, sono un punto di riferimento e, nella disgustosa vicenda delle statue da abbattere per dare fiato e forza a un revanscismo liberal e politicamente corretto, mostrano al mondo intero una rozzezza ed un’ignoranza senza pari.
Via tutti i simboli dei Confederati perché sostenevano lo schiavismo. Ok, ma allora perché non abbattere e distruggere tutti i monumenti dedicati a Washington per esempio? Era schiavista eppure è venerato come padre della patria.
L’insensata furia si è abbattuta anche sulle statue di Cristoforo Colombo facendo registrare anche la cancellazione di storiche feste come il Columbus Day perché offensiva verso i nativi americani. Perfetto, ma allora perché non restituire ai nativi tutte le terre che sono state loro sottratte dagli statunitensi con la forza?
È chiaro che queste vicende siano, al pari di tante altre che accadono anche al di qua dell’oceano atlantico, il segno dei tempi che vedono l’ipocrisia e la mediocrità violenta trionfare. Si pretende di presentare come nuova grande era di libertà ed emancipazione il trionfo di tutto ciò che incatena i nostri intelletti anestetizzandoli e vietandoci di pensare liberamente.

Topics: Bioetica, Filosofia, Società | No Comments »

Comments

You must be logged in to post a comment.