Ricerca

Post Recenti

Archivi

Topics


« | Main | »

Non ci resta che Ultima Thule?

By Pasquale | settembre 4, 2016

thuleOgni epoca, così come ogni età degli uomini a ben pensarci, ha la sua età dell’oro da “ricordare” e “rimpiangere”. La letteratura è piena di questo tema e pertanto non credo che si dica nulla di nuovo quando confrontando i tempi attuali,contraddistinti dal dominio della tecnica, con gli anni in cui hanno vissuto i nostri nonni ed in generale i nostri avi si affermi che all’epoca eravamo materialmente più poveri, ma spiritualmente più ricchi.

Eppure il corto circuito avuto col dominio incontrastato della tecnica e delle sue declinazioni, la mercificazione del tutto, persino dell’anima umana, sembrano proporre qualcosa di inquietante come, forse, mai prima d’ora si era presentato: un ignoto entro il quale posare lo sguardo e capire se come uomini possiamo accettarne la sfida e soprattutto avere speranza di salvarci senza smarrire le nostre umane fragilità e grandezze millenarie una volta che ne avremo compiuto la traversata.

Mi chiedo se davvero non ci resti che l’Ultima Thule dello spirito in questa società così priva di senso e capace di obliarsi come comunità e rimuovere in nome di una libertà astratta ogni libertà reale.

Un esilio volontario, silenzioso, ma di testimonianza, in attesa di un futuro dal quale non attendersi niente, se non raggiungerlo attraversando i giorni con la speranza di vivere secondo l’umanità profonda tracciata da millenni in cui siamo stati in perenne ricerca di un orizzonte di senso, rispettosi del sacro della memoria dei padri e speranzosi costruire una società più giusta uniti.

Topics: Filosofia | No Comments »

Comments

You must be logged in to post a comment.