Ricerca

Post Recenti

Archivi

Topics


« | Main | »

La Politica è l’avventura più bella

By Pasquale | giugno 16, 2015

 

2 “Solo nell’avventura alcuni arrivano a conoscersi” – André Gide

Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare. Così recita una massima vecchia di qualche millennio ed è sicuramente una delle verità universali alle quali gli uomini non possono rinunciare quando decidono d’intraprendere un nuovo percorso umano, privato o pubblico che sia.

Tra tutte le esperienze che gli uomini possono vivere c’è però quell’avventura del tutto particolare chiamata “Politica” che resta, a mio avviso, tra le più belleed avvincenti che si possano affrontare.

Non si parla qui della politica ridotta a mero esercizio del potere utilizzato per l’arricchimento ed il soddisfacimento di alcuni, ma di quell’esperienza al servizio della comunità nelle piccole e grandi questioni che vede sedere attorno ad un tavolo uomini accomunati da una passione, una tensione ideale e pragmatica che decidono di rinunciare a qualcosa di prezioso come il proprio tempo e mettersi in gioco.

Non è sicuramente tutto “rose e fiori” come si suol dire, l’ambizione ed altri meccanismi incidono sempre e comunque nei processi politici, ma la bella e vera Politica è possibile. Forse la condizione di degrado spirituale odierna può far sembrare che essa sia in realtà un vagheggiamento di alcuni poveri, soli e sconsolati Don Chisciotte, ma in realtà c’è tanta pura sete di partecipazione e sono tante le iniziative dei cittadini che autonomamente decidono di riappropriarsi di spazi politici che il marciume – di ogni estrazione, partito e movimento – gli ha negato.

La bella Politica è un’avventura, tra le più belle!

Lo è perché, innanzitutto, lega gli uomini, interseca le loro vite e unisce il loro sentire in nome di qualcosa di più alto e vero rispetto alla loro semplice esistenza. Favorisce l’incontro.

La bella Politica è comunità: il “noi” che sfida le difficoltà, non si tira indietro se qualcuno decide di mollare perché c’è sempre un altro pronto a raccogliere il testimone ideale e a continuare la battaglia.

È un’avventura perché ti cambia: la prospettiva della propria vita e del proprio futuro assume un significato diverso quando capisci che c’è altro oltre l’indifferenza, la stasi e l’accettazione incondizionata di ogni sopruso.

Non tutto è perduto, tutto questo esiste. Se ci guardiamo intorno gli esempi non sono pochi.

Non restiamo chiusi nel nostro cantuccio, ci troveranno e ci umilieranno lo stesso, soprattutto davanti alla nostra coscienza.

Una volta compiuto il primo passo sapremo bene quale dovrà essere la nostra direzione e da quali venti provare a farci sospingere.

Mettiamoci in cammino, insieme.

 

Topics: Filosofia, Politica, Società | No Comments »

Comments

You must be logged in to post a comment.