Ricerca

Post Recenti

Archivi

Topics


« | Main | »

Sulla giustizia e l’ipocrisia degli uomini.

By Pasquale | agosto 3, 2013

allegoria-giustizia.jpg

Giordano Bruno fu condannato da quello che all’epoca era il tribunale ufficiale. In realtà Bruno non credo sia stato condannato per quanto dicesse, ma per i compiti di spia che svolgeva al soldo di altre potenze europee. Galilei anche fu condannato, oltre l’ideologia, non aveva prove scientifiche per dimostrare quanto dicesse e la legge degli uomini, all’epoca vigeva come per Bruno quella della Chiesa, non poteva fare altro che condannarlo.

Dopo centinaia di anni in modo ideologico le sentenze suddette sono totalmente ribaltate e considerate degli scempi. Dico in modo ideologico perchè purtroppo nemmeno si ragiona nel merito e come sempre ci si ritrova a ragionare come se ci fossero due squadre in campo e ci si divide a seconda delle simpatie.

La realtà è che, oltre la vita normale degli umili e non solo degli ultimi, il senso di giustizia resta al singolo individuo o gruppo umano che si ritrova ad avere il potere e deve decidere se esercitarlo secondo buon senso ed in nome di qualcosa di positivo e giusto. Ma di la da questa scelta, per quanto possiamo infiocchettare bei discorsi, credere che lo stato di cose sia diverso per equilibri personali e mentali, quanto accade è sempre e solo uno scontro di poteri e soprattutto di uomini. E nessun uomo, purtroppo, ha la Verità in tasca (anche se in realtà qualcuno 2000 anni fa pare abbia mostrato con miracoli la propria diversità e avesse pronunciato il messaggio d’amore più rivoluzionario di sempre e gli uomini anche lì preferirono ucciderlo per pulirsi le coscienze). Naturalmente, non sempre tutto è nero e non sempre tutto è bianco. Ma sarebbe ora di tornare a riconoscere che le cose avvengono solo in un’ottica di confronto e riequilibrio di poteri . Valeva prima ancora che noi potessimo averne memoria e varrà sempre finchè l’uomo esisterà su questa terra.

Un vizio dell’uomo, forse da annoverare tra i peccati capitali, è l’ipocrisia divenuta regola. In questa regola nascono e maturano le più grandi ingiustizie ed è proprio questa ipocrisia che pretende di raccontare al popolo, alle persone per esclusivo proprio interesse che in realtà le vicende umane sono tutte uguali. L’ideologia egualitaria è tra le cose peggiori che gli uomini potessero costruire e perorare. C’è la necessità di andare oltre questa falsità e ripristinare, con schemi nuovi e messaggi nuovi, dei concetti chiari capaci di descrivere, interpretare e guidare per quanto è possibile i processi del reale. Ora.

Topics: Filosofia, Politica | No Comments »

Comments

You must be logged in to post a comment.