Ricerca

Post Recenti

Archivi

Topics


« | Main | »

Perchè i giovani non devono mollare

By Pasquale | aprile 14, 2010

01740010.jpgChi ama la politica, chi ogni giorno la vive con passione qui in Campania si trova sovente a lottare con quanto di più bruto e meschino possa esistere. In Campania, per carità, sopravvivono modelli ed esempi di libertà, di cultura, di politica ma è pressochè improbabile che un giovane o una classe dirigente giovanile riesca ad emergere se presenta la propria fedina penale illibata, se lotta ogni giorno e rimettendoci spesso anche da tutti i punti di vista. Se la Politica in Italia stenta a recuperare credibilità, allora in Campania e al Sud siamo ancora peggio.

I giovani non devono mollare anche perchè senza la loro spinta, il loro entusiasmo, le loro idee e le loro azioni, gli “adulti” volenterosi della classe dirigente non avrebbero motivi per perorare ed avviare la causa di un ricambio generazionale. Il problema del ricambio generazionale non è solo una questione di svecchiamento anagrafico, ma è anche un’esigenza che la storia ed i processi sociali impongono e lo fanno ancor di più quando il bilancio delle classi dirigenti degli ultimi 30 anni è stato fallimentare e questo di là da i pur presenti e pochi casi isolati di buoni ed ottimi leader.

Le ideologie storiche sono crollate, ma questo non cancella la necessità di orizzonti ideali, di costellazioni di senso verso le quali orientare l’azione politica degli uomini e solo i giovani possono dare una seria svolta positiva a una politica che va troppo appiattendosi sul burocratese, sul mercato e su falsi problemi.

Si deve tornare tra le persone, ascoltare i problemi che hanno letteralmente sin nelle loro carni, parlare ai loro cuori e farli palpitare per un grande progetto di rilancio nazionale. Ci si sente uniti solo nell’appartenza ad un comune destino ed è questo il grande obiettivo che la Politica deve darsi e nel farlo occorre far maturare e lasciare spazio a nuove classi dirigenti. Il ricambio è un fatto naturale, ma può accadere sia per l’intelligenza di coloro che si fanno da parte sia per l’incancrenirsi delle situazioni e di conseguenza aprire così le porte a qualcosa di sconosciuto e spesso negativo.

Senza retorica: la svolta è nel merito, nel ricambio generazionale e nella capacità di costruire una comunità di destino altrimenti non c’è rimedio alla deriva.

Topics: Politica | No Comments »

Comments

You must be logged in to post a comment.