Ricerca

Post Recenti

Archivi

Topics


« | Main | »

Identità…SUD- un viaggio civile e sentimentale

By Pasquale | maggio 9, 2009

frontcover.jpg(oggi pare) “…d’obbligo l’elogio dei meridionali che vanno al Nord o all’estero, che si affermano fuori dai confini territoriali, che si sprovincializzano, come si ripete, e si liberano non solo di quella merce avariata che è la lingua italiana ma anche dell’inflessione primitiva meridionale, e masticano un perfetto slang, parlano più lingue. Desta ammirazione chi viaggia, si aggiorna, compete, affronta le sfide e il mare aperto, e non perchè si smeridionalizza e perde il Sud, ma perchè affronta il mondo e compete senza complessi nell’arena glibale. Non è positivo per quel che perde ma per quel che conquista. Il giusto equilibrio è farsi strada nel mondo ma non a prezzo di dimenticare la strada di casa, la via del ritorno. E invece è tutto un fiorire di elogi al meridionale che si riscatta dalla prigionia delle origini e si mette in proprio. Il peggior provincialismo è quello di chi si sente provinciale dell’impero e vuole adeguarsi in fretta agli standar americani e globali, imitando lingua, modelli e comportamenti; come uno schiavo coloniale che si emancipa dalla sua origine servile” – Marcello Veneziani (tratto da “Sud”, saggio “Leuca, capo e coda”, pag. 10 - I edizione marzo 2009)

Topics: Filosofia | 1 Comment »

Comments

You must be logged in to post a comment.