Ricerca

Post Recenti

Archivi

Topics


« | Main | »

Sulla giusta morale e l’azione

By Pasquale | marzo 15, 2009

ritornoalreale.jpgPosto al centro di una rotta dei costumi ancora inedita nella storia, il moralista deve diffidare più che mai delle costruizioni ideali, dei sistemi universali e dell’inebriamento delle parole e dei sogni. L’eretismo morale è stato coltivao abbastanza a lungo: oggi abbiamo bisogno soprattutto di una morale motrice. Dopo tante sterili orge intellettuali ed affettive, è tempo di insegnare agli uomini a far passare nelle mani l’ideale del loro spirito e l’emozione del loro cuore. Si tratta di incarnare umilmente e pazientemente la verità umana, di darle un corpo e una realtà nella vita di ciascuno e nella vita di tutti. Il più nobile ideale ha senso soltanto nella misura in cui partorisce il povero sforzo carnale e sanguinante. Le basi più elementari della natura umana sono dilaniate: l’uomo tutto intero è da ricostruire. A questo scopo non basta predicare, a tutti ed a nessuno, dalla sommità dell’edificio vacillante, bisogna scendere e ripararne, pietra dopo pietra, le fondamenta minacciate“.

GUSTAVE THIBON – “Ritorno al Reale. Prime e seconde Diagnosi in tema di filosofia sociale” pp. 121

Topics: Filosofia | No Comments »

Comments

You must be logged in to post a comment.