Ricerca

Post Recenti

Archivi

Topics


« | Main | »

Adulatori del nulla Vs Testimoni del Bene e del Vero

By Pasquale | ottobre 6, 2008

Tra i vari messaggi che la società dell’informazione italiana presenta di continuo, qualche volta ricicla e spesso inventa c’è da un anno quella affermata che vede la cara Italia in mano a delle caste. In effetti per molti versi è così: politici, sindacati, professori universitari ecc… nel corso degli anni sono riusciti a costruire un vero e proprio apparato di privilegi che il termine casta descrive pienamente.

Tuttavia partendo da questo concetto vorrei che l’attenzione si spostasse su qualcosa che ha a che fare con una casta suprema che in tempi come questi non può non apparire. La casta dell’ elitè morali ovvero di quel gruppo elitario che riconosce come non negoziabile l’etica dell’onore con il successo fine a se stesso e la ricchezza. Urge davvero una decostruzione di questo fasullo, controverso e mefistofelico sistema morale-culturale posto alla base del nostro mondo. La realtà è piena zeppa di paradossi, la vità con le sue curve ed i suoi improvvisi cambi di direzione in salita e in discesa è lì a rammentare costantemente la possibilità della caducità ad ognuno di noi. Tuttavia giunge a compimento in questi anni, grazie alla falsa morale che ci propinano ogni giorno, il primato del caduco. Il caduco è il senso dei nostri giorni. Una caducità che corrode gli animi e li affloscia sul presente in una spasmodica ricerca del mero utile e del piacere fine a se stesso. Mala tempora currunt e non è tempo di analizzare, men che meno con mediocrità sociologica, questi accadimenti! Si deve reagire! Si deve iniziare a stigmatizzare atteggiamenti all’apparenza docili e frutto di una mentalità vile e contorta che si nasconde nel quotidiano vivere di tutti noi. Oggi i più parlano di morale, la casta dell’elitè deve parlare di Morale. In un paese civile, razionalmente parlando, si dice che non dovrebbero esistere eroi: forse in parte è vero, ma questi non sono tempi di civiltà e l’elitè deve in ogni campo assumere atteggiamenti eroici dalle grandi alle piccole cose. Guardatevi attorno: nulla appare stabile, nemmeno l’uomo! Nel vanesio tentativo di affermare e lodare la ragione i nostri cattivi maestri propinano idee continuamente scorrette e assurde naturalmente per l’uomo: ci insegnano che le cose vanno valutate con distacco, ma poi nell’emettere giudizi sono i primi a non seguire tale dettame. Ci dicono che principi morali condivisi in fondo non esistono, però poi sono tutti d’accordo a condannare a seconda degli interessi del momento ciò che a loro non fa comodo e la cosa assurda e che tutti dobbiamo pensarla come loro altrimenti la pena è il pubblico ludibrio. Per anni hanno detto che l’uomo è un animale, è i suoi geni, è pura materia e poi te li ritrovi a condannare chi si schiera dalla parte  della famiglia naturale perchè non guarda i sentimenti. Si potrebbe continuare all’infinito, ma non è questa la sede opportuna. I rappresentanti dell’elitè cui mi rivolgo oggi li si può trovare dispersi ed incerti nell’oceano del nulla che avanza.

rotazionepolare2.gif

Sono una luce, brilla per pochi ma potrebbe illuminare tutto con un senso nuovo che poi in realtà è il senso di sempre. Attenzione però, il Niente è più furbo di quello che appare: occhi e cuore puro possono capire davvero quali sono gli esempi da seguire, perchè spesso le differenze tra gli adulatori del nulla e i testimoni del bene e del vero appaiono identici.

 

Tutto sta in questo contrasti:

Adulatori del nulla Vs Testimoni del Bene e del Vero

Da che parte stanno gli uomini di buona volontà?

 

Topics: Filosofia, Politica, Religione, Varie | No Comments »

Comments

You must be logged in to post a comment.